Il consiglio magico per avere piedi morbidi senza corna o talloni screpolati

Il consiglio magico per avere piedi morbidi senza corna o talloni screpolati

Non presti attenzione ai tuoi  piedi  da secoli? Risultato: sono in pessime condizioni, secchi, con corna o talloni screpolati. Ecco come dare loro un restyling completo. È semplice ed efficiente.

Spesso vengono dimenticati… lontani dalla vista e rinchiusi nei calzini per tutto l’inverno, spesso trascuriamo le nostre estremità inferiori. Poiché le piante dei piedi sono prive di ghiandole sebacee (che secernono sebo che limita la disidratazione della pelle), tendono a seccarsi naturalmente. Il peso del corpo o l’attrito delle scarpe esercitano pressione su determinate zone e come protezione compaiono placche di corno di vario spessore. E quando il corno è troppo secco, può rompersi e formare delle crepe. Come avrete capito, la siccità è la principale responsabile di tutti questi inconvenienti. Solo una parola: idrata i tuoi piedi correttamente. Questo trattamento quotidiano può diventare anche un vero momento di piacere.

Burro di karitè

Burro ? Sì, ma il karitè

Tra i grassi vegetali, il burro di karitè è la risorsa migliore per nutrire e ammorbidire la pelle spessa dei piedi. Le sue interessanti proprietà specifiche sono legate alla presenza di elementi protettivi e riparatori della pelle:

Insaponificabili (fino al 15%). Questi sono gli elementi più ricercati per migliorare la qualità della pelle e il karitè ha uno dei contenuti più alti nel mondo vegetale, che gli consente di penetrare facilmente nella barriera cutanea, lenire le irritazioni e migliorare l’elasticità della pelle.

Vitamina A idratante che fornisce elasticità.

Acidi grassi essenziali, fattori di idratazione essenziali per la pelle, tra cui l’acido oleico dal 60 al 70% che migliora le condizioni della pelle secca e molto secca.

Lattice che ridona elasticità e morbidezza alla pelle.

Attenzione!

Diffidare dei burri di karitè inodori e bianchi; solo il burro di karitè crudo (non sbiancato, non raffinato ed estratto senza solventi) conserva tutti i suoi principi attivi. Ha un colore giallo e un leggero odore caratteristico.

Il burro di karitè può essere piuttosto duro a temperatura ambiente. Per utilizzarlo sciogliere una noce di burro nel palmo della mano e massaggiare i piedi fino a completo assorbimento. Insistere sulle zone cornee. Con il passare dei giorni la pelle si ammorbidisce e i brutti calli scompaiono. Puoi usarlo da solo oppure optare per realizzare un balsamo specifico formulato con un set di principi attivi idratanti.

Gel di aloe vera

Balsamo piedi ultra nutriente

Questo balsamo fondente e nutriente è facile da realizzare. Gli ingredienti sono stati selezionati per la loro azione emolliente e protettiva al fine di mantenere un livello ottimale di idratazione della pelle:

L’olio di jojoba protegge dalla disidratazione e nutre facilmente senza lasciare sensazione di unto.

Il gel  di aloe vera , ottimo idratante, è molto ricco di sostanze nutritive.

La glicerina vegetale è idratante ed emolliente. Conferisce un effetto scorrevole molto gradevole una volta applicato.

La cera d’api aumenta il potere protettivo del balsamo e fornisce una consistenza stabile.

L’allantoina è un principio attivo d’elezione estratto dalla radice della consolida maggiore: idratante intenso, esfoliante delle cellule morte del corno ed emolliente.

Gli oli essenziali sono curativi e antinfiammatori (verbenone al rosmarino, lavanda aspic, patchouli), rigeneranti cellulari (verbenone al rosmarino, palmarosa, patchouli) e fungicidi (palmarosa).

Ingredienti (per un vasetto da 100 g)

  • Burro di karitè: 50 g
  • Olio di jojoba: 30 g
  • Gel di aloe vera: 15 g
  • Cera d’api: 6 g
  • Glicerina: 5 g
  • Allantoina: 1 g

Oli essenziali :

  • 8 gocce di aspic alla lavanda (Lavandula spica)
  • 8 gocce di patchouli (Pogostemon cablin)
  • 5 gocce di verbenone al rosmarino (Rosmarinus CT verbenone)
  • 5 gocce Palmarosa (Cymbopogon Martini)

Come procedere

Innanzitutto la pulizia: lavaggio delle mani, disinfezione con alcol degli utensili che utilizzerete, della pentola e del piano di lavoro.

Mettete il burro di karitè e l’olio di jojoba a bagnomaria e aggiungete la cera d’api. Lasciare sciogliere dolcemente, mescolare e spegnere il fuoco quando il composto risulterà omogeneo.

In un altro contenitore, misurare il gel di aloe vera, la glicerina, l’allantoina e aggiungere gli oli essenziali.

Quando il composto oleoso sarà tiepido, aggiungere gradualmente il composto con gli oli essenziali, mescolando continuamente. Sbattere a lungo il composto fino ad ottenere una consistenza leggera.

Trasferire nella pentola e lasciare raffreddare.

Come usarlo

Dopo essere usciti dalla doccia, o dopo un pediluvio in acqua calda (con un pizzico di bicarbonato), applicare una noce sui piedi e massaggiare per far penetrare.

Per un trattamento in profondità, la sera applica uno strato abbondante di balsamo su tutta la pianta del piede e sopra indossa un paio di calzini (larghi per essere comodi) per evitare di macchiare le lenzuola e facilitare l’idratazione notturna. Al mattino i tuoi piedi hanno assorbito la crema, sono nutriti e morbidi. Da fare 3 o 4 giorni di seguito, poi una volta alla settimana per il tempo necessario.

Pediluvio

Ristruttura i piedi veramente danneggiati

Se avete molte corna, affinché il balsamo penetri bene dovete iniziare ad ammorbidire e ammorbidire la pelle. Effettuate prima un pediluvio, momento particolarmente rilassante che prepara la pelle a ricevere i principi attivi idratanti, poi effettuerete uno scrub per eliminare la pelle morta e infine applicherete il balsamo.

Pediluvio aromatico alle erbe

Il calore dell’acqua già ammorbidisce la pelle, ma la combinazione di una sapiente miscela di piante svolge un’azione benefica per rinfrescare e purificare i piedi. L’aggiunta di sale e bicarbonato aiuta a purificare e lenire le irritazioni. Effetto rilassante immediato!

Preparare un infuso

In un litro di acqua calda versate un cucchiaio di germogli di pino, un cucchiaio di foglie di salvia e un cucchiaio di foglie di melissa. Lasciare in infusione per 15 minuti quindi filtrare. (Le piante possono essere acquistate nei negozi di alimenti naturali, nelle farmacie o nelle erboristerie).

Riempire per metà una bacinella abbastanza grande da contenere i piedi con acqua tiepida, aggiungere l’infuso di erbe. Poi aggiungete 3 cucchiai di sale marino, 3 cucchiai di bicarbonato e mettete i piedi nella bacinella. Tieni dell’acqua calda accanto a te per aggiungerla poco a poco, l’acqua dovrebbe essere calda quanto puoi sopportarla per almeno 10-15 minuti.

Asciugare accuratamente i piedi. La pelle delicata è pronta per essere esfoliata, con una pietra pomice o con uno scrub (vedi sotto). Se usi la pomice, crea dei piccoli cerchi, concentrandoti sulle zone indurite. Non insistere troppo, bastano 3 o 4 passate sulla stessa zona. Altrimenti rischi di provocare irritazioni alle quali il corpo risponderebbe producendo più corna. Una volta terminato, risciacquare e asciugare prima di idratare i piedi.

Scrub ai piedi

La macchia marina

Una volta alla settimana, dopo il pediluvio, preparare uno scrub emolliente e nutriente.

Versare in una ciotola:

  • 1 cucchiaio di sale fino
  • 2 cucchiai di olio di cocco
  • 2 gocce di olio essenziale di melaleuca (Melaleuca alternifolia)
  • 2 gocce di olio essenziale di lavanda vera (Lavandula officinalis)
  • 1 goccia di olio essenziale di menta piperita (Mentha piperita)

Inumidisci i piedi e massaggiali energicamente con il preparato, insistendo sulle zone più spesse. Lasciare agire qualche minuto prima di risciacquare con acqua.

Successivamente applicare il balsamo ultra nutriente.

Eliminare i punti ruvidi sui piedi può richiedere un po’ di pazienza prima di notare miglioramenti importanti. Con l’aiuto del balsamo e dei trattamenti descritti, potrai iniziare a vedere i tuoi piedi più lisci e morbidi già dopo pochi giorni. Continua a prendertene cura e mettiti i sandali.

Hit enter to search or ESC to close.